nil
Cozzi ha rischiato molto per potere realizzare queste foto. Ha affrontato la discesa scendendo di schiena in terza posizione fotografando il volto deformato dallo sforzo del frenatore.