Tra i profughi chi dispone di una bicicletta è già un fortunato. Oltre a qualche straccio può trasportare qualcosa in più.